ClaudiaPorchietto.it Home

rassegna stampa

Filtra per testata o autore:
PDF
CronacaQui. Scritto da Alessandro Barbiero
mercoledì 23 ottobre 2013

Beltrame, rinvio al tavolo minsiteriale

Tutto rinviato al tavolo ministeriale per le Acciaierie Beltrame [...]

Leggi tutto
PDF
Il Sole24Ore. Scritto da Filomena Greco
mercoledì 16 ottobre 2013

Tre piani per la De Tomaso

tre ipotesi per tentare di salvare i lavoratori De Tomaso [...]

Leggi tutto
PDF
CronacaQui. Scritto da Alessandro Barbiero
mercoledì 16 ottobre 2013

Tre proposte per la De Tomaso

Tre proposte sul tavolo, da concretizzarsi entro fine mese, per salvare i 900 lavoratori De Tomaso [...]

Leggi tutto
PDF
Repubblica. Scritto da Maria Chiara Giacosa
mercoledì 16 ottobre 2013

Uno spiraglio per l’Abit. Resta, ma ridimensionata

Potrebbe esserci un colpo di scena nella vicenda dell'Abit di Grugliasco e nel destino dei 97 lavoratori che a novembre perderanno il posto di lavoro. Oggi pomeriggio quando azienda e sindacati si siederanno al tavolo delle trattative, la base del ragionamento potrebbe essere tutta diversa dalle ipotesi delle ultime settimane. Nessuna vendita alla torinese Centrale del Latte, né all'emiliana Granarolo, ma la Trevalli Cooperlat, il gruppo di Jesi che possiede il marchio torinese, potrebbe decidere di tenersi lo stabilimento di corso Allamano [...]

Leggi tutto
PDF
Repubblica. Scritto da Stefano Parola
mercoledì 16 ottobre 2013

Tre ipotesi su De Tomaso Ritorna in pista “Bmw”

Il futuro dei 900 lavoratori della ex De Tomaso è legato a tre ipotesi. Tanti sono i potenziali acquirenti della fabbrica di Grugliasco. Si parla di una realtà del mondo dell’auto, che però vincola l’investimento al possesso del marchio. Poi ci sono altri due soggetti: una è una cordata che si è fatta avanti con la Regione, l’altra è un’opportunità che si è palesata attraverso il ministero dello Sviluppo economico. Nessuna, però, si è ancora fatta avanti in maniera ufficiale [...]

Leggi tutto
PDF
La stampa. Scritto da Marina Cassi
mercoledì 16 ottobre 2013

Per la De Tomaso ultima speranza il 4 novembre

Sono sfiniti e depressi. Ma anche pieni di tanta rabbia. I lavoratori della De Tomaso sono arrivati in piazza Castello ieri mattina - al presidio organizzato dalla Fiom - con le lettere di licenziamento che hanno ricevuto la scorsa settimana [...]

Leggi tutto
PDF
La Stampa. Scritto da Andrea Ciattaglia
domenica 13 ottobre 2013

Le Olimpiadi dei mestieri al prossimo “Io Lavoro”

Il motto della manifestazione è «Promuovere professionalità in tutto il mondo», ma andrebbe benissimo anche: «Artigiani di tutto il globo, sfidatevi». Sono i World Skills, le Olimpiadi dei mestieri, una rassegna internazionale che mette in competizione giovani sotto i 22 anni, provenienti da 64 nazioni [...]

Leggi tutto
PDF
La Stampa. Scritto da Andrea Ciattaglia
sabato 12 ottobre 2013

Tutti in coda per fare gli animatori ma le aziende cercano pasticcieri

Boom di presenze ad Io Lavoro. La seconda giornata si è chiusa ieri sera con quasi 5 mila candidati entrati allo Juventus Stadium per cercare un lavoro, che si aggiungono agli oltre 3 mila di giovedì. Nell’ultima edizione aveva ottenuto un posto il 28 per cento degli aspiranti lavoratori che avevano effettuato i colloqui, ma tra i desk delle imprese è chiaro che a vincere sono sempre più le professionalità di nicchia. [...]

Leggi tutto
PDF
La Stampa. Scritto da Marina Cassi
sabato 12 ottobre 2013

Novecento lettere di licenziamento alla De Tomaso

Il 4 gennaio - quando finirà la cassa integrazione - i lavoratori della De Tomaso saranno licenziati. Non si può dire che la notizia fosse del tutto inattesa, ma certo è stata una doccia gelida quella arrivata ieri mattina ai 999 operai e impiegati di cui 869 a Grugliasco e gli altri a Livorno. [...]

Leggi tutto
PDF
Repubblica. Scritto da Maria Chiara Giacosa
venerdì 11 ottobre 2013

Cassa in bilico per 15mila operai. E’ l’effetto manovrina: non sono stati rifinanziati 25 milioni

Sono almeno 15 mila i lavoratori piemontesi che potrebbero perdere la cassa integrazione in deroga se il governo non farà marcia indietro. La cosiddetta «Manovrina» annunciata da Palazzo Chigi non prevede infatti i 330 milioni necessari per pagare, fino a fine anno, gli assegni agli operai delle aziende in crisi. Di questi, 25 milioni erano destinati al Piemonte. E senza questi soldi i tre mesi di qui a dicembre, un trimestre critico perché l'ultimo di un anno che è stato difficilissimo e che conferma Torino sul podio della città più «cassintegrate » d'Italia, sono del tutto scoperti [...]

Leggi tutto

Scarica il PDF

news

martedì 17 ottobre 2017
Start

video

Intervento Claudia Porchietto sull'emergenza profughi

Una frase del mio intervento: "I pochi esempi che portano i media sui profughi sono quelli brillanti che però coinvolgono solo piccole

newsletter

Inserisci la tua mail per ricevere i comunicati ed essere aggiornato sulla mia attività politica

dai comuni

Tutte le novità, notizie e riflessioni riguardanti il tuo Comune di residenza segnalate dagli amici amministratori locali e dagli elettori. Uno spazio libero per il dibattito.

Piemonte