Claudia Porchietto

Solo l'8% dei disoccupati ha una offerta

21.03.2013 Print

Solo l'8% dei disoccupati nel 2011 ha ricevuto una nuova offerta di lavoro negli ultimi 30 giorni prima dell'intervista (era il 14,1% nel 2008) ma il 43,5% di coloro che la ricevono decidono di rifiutarla (il 48,3% nel 2008). È quanto emerge da uno studio Isfol diffuso oggi secondo il quale solo il 44,7% decide immediatamente di accettare la nuova occupazione proposta mentre l'11,8% ci pensa e il 43,5% dice di no.

Tra i motivi del rifiuto - spiega l'Isfol- ci sono una nuova occupazione inferiore alle aspettative (23,7%), la retribuzione inferiore alla richiesta (19,2%), l'orario eccessivo (10,7%) e la forma contrattuale inadeguata (10%) ma anche il fatto che l'offerta sia stata fatta per un lavoro irregolare o "in nero" (10,3%). Il 43% inoltre, sottolinea l'Isfol, ritiene eccessiva la propria formazione rispetto alle proposte di lavoro, il 40% dice di non avere adeguata esperienza mentre il 34% si ritiene penalizzato dall'età. Alla domanda "quale è il motivo per il quale non lavora?" il 34% risponde citando la carenza di opportunità mentre il 22% adduce come motivazione la cura della famiglia. (Fonte Ansa)