Claudia Porchietto

Lo Stato deve ancora 30,7mld di euro alle imprese. Governo in difetto

23.09.2014 Print

Secondo i dati forniti dal Ministero dell’Economia, nel biennio 2013-2014 sono stati messi a disposizione 56,8 miliardi di euro: entro il 21 luglio 2014 (ultimo aggiornamento disponibile) ne sono stati pagati 26,1. In buona sostanza, l’incidenza dei pagamenti effettuati sul totale delle risorse stanziate si ferma al 46 per cento. Per estinguere completamente le risorse a disposizione le aziende devono ricevere ancora 30,7 miliardi di euro.

Restano solo promesse da marinaio quindi quelle pronunciate dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che la primavera scora a “Porta a Porta” aveva annunciato che entro il 21 settembre sarebbero stati estinti tutti i debiti della Pubblica Amministrazione.

“Nonostante gli sforzi fatti dagli ultimi Esecutivi siano stati encomiabili, lo Stato italiano rimane il peggiore pagatore d’Europa. Sebbene la Direttiva europea 2011/7/Ue imponga alle Pa di pagare le forniture commerciali entro 30 giorni – spiega Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre - tranne alcune eccezioni riguardanti principalmente i servizi sanitari, per i quali il limite è di 60 giorni, nel 2014, secondo Intrum Justitia, la media in Italia è di 165 giorni".