Claudia Porchietto

Tasse Universitarie in cinque anni aumentate del 75%

16.08.2014 Print

Secondo la Flc-Cgil nel corso di cinque anni, dal 2009 à 2014, le tasse universitarie sono aumentate del 75%.  La tassazione media delle università italiane si aggira intorno ai 1.500 euro l'anno per studente. Con picchi più alti negli atenei del Nord Italia: dai 1.802 euro chiesti dal Politecnico di Milano ai 1.614 della Statale milanese. Più economiche, invece, le rette nelle università del Sud. A Potenza, l'università della Basilicata chiede 490 euro l'anno per studente, a Catanzaro, le tasse della Magna Grecia non superano i 532 euro.

Confrontando il contribuito medio con quelli di altre università europee, quello italiano è tra i più cari. Prima di noi come analizza il rapporto Education at a Glance, rilasciato dall'Ocse nel 2012 c'è solo il Regno Unito, che chiede più di 4.500 euro l'anno in tasse agli studenti e paesi d'oltreoceano, come Giappone, Stati Uniti, Australia. Tornando in Europa, i paesi scandinavi sono, invece, i più virtuosi. Studiare non costa nulla. Anzi, in Danimarca e Svezia chi desidera conseguire il diploma di laurea riceve indistintamente una borsa di studio mensile di 900 euro. (Fonte Il Mattino)