Claudia Porchietto

Crisi: nel 2013 salgono i brevetti, +23% nuovi modelli

28.01.2014 Print

Nel 2013 in Italia la dinamica dei nuovi depositi di titoli di proprietà industriale, i brevetti, è stata positiva anche se non in tutti settori. I dati del 2013 sono stati presentati oggi dal Ministero dello sviluppo economico in concomitanza con la presentazione di una campagna per la protezione della proprietà industriale.

Nel dettaglio nel 2013 sono cresciuti del 23% i disegni e modelli passati da 1.353 a 1.644, dell'1,7% i marchi che hanno raggiunto quota 54.626, lievi flessioni invece per i brevetti di invenzione, -1,1% da 9.218 a 9.115, e i modelli di utilità, che scendono del 3% da 2.743 a 2.660. Calano in modo più forte, -11%, le traduzioni dei brevetti stranieri.

Analizzando a livello locale si vede che per i disegni e modelli la dinamica migliore è quella del centro dove salgono del 68,8%, bene anche il sud con una crescita del 15% mentre al nord è appena dell'1,4%. Per quello che riguarda i marchi la crescita maggiore è quella del sud dove salgono dell'8,7%. Lo studio indica che le variazioni positive dei depositi possono essere interpretate come "segnali di una possibile ripresa economica" e che le diversità geografiche suggeriscano che alcuni distretti produttivi hanno "ridisegnato l'offerta attraverso percorsi di innovazione e di un uso mirato delle leve di marketing". (Fonte Ansa)