Claudia Porchietto

Valle d’Aosta e Piemonte, azioni sinergiche sulle politiche del lavoro

26.10.2012 Print

Uno sguardo comune sulle politiche del lavoro per unire le forze e superare insieme l’attuale crisi economica. E' questo l'obiettivo principale per il quale a nome della Regione Piemonte e del presidente Roberto Cota ho sottoscritto un accordo  tra le Regioni Piemonte e Valle d’Aosta per la promozione di metodi e obiettivi comuni di programmazione e gestione delle politiche del lavoro.

Con questo protocollo vogliamo condividere le best practises dei due enti per meglio rispondere ai bisogni occupazionali dei nostri territori in un ottica di sistema interregionale. Una scelta peraltro che va nella direzione di una futura e auspicabile integrazione dei servizi a livello di macroregione.

Numerose le possibilità di sinergie. Si va dalla stipula di convenzioni in tema di inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, con particolare riferimento allo sviluppo del contratto di apprendistato, fino allo scambio di segnalazioni e vacancies da parte di imprese dei due territori, verso candidati, specialmente giovani, in essi residenti. Si passa dalla estensione e al miglioramento della rete dei servizi per il lavoro, allo scambio tra i servizi delle due Regioni, anche al fine di promuovere accordi e iniziative congiunte di partenariato pubblico-privato, a supporto delle attività dei Centri per l’impiego. È possibile attivare lavori integrati tra gli osservatori regionali del mercato del lavoro, la condivisione di sistemi informativi, metodologie di analisi e trattamento dei dati sul mercato del lavoro, per facilitare letture omogenee e processi di programmazione coerenti tra territori attigui.

Questo accordo costituisce anche l’occasione per poter attivare nuove politiche del lavoro di carattere transfrontaliero indirizzate ad implementare l’offerta occupazionale per tutti i nostri cittadini. Una strada che già perseguiamo con la nostra partnership con Rhone Alpes ma che da oggi possiamo portare a sistema.