Claudia Porchietto

Export in Piemonte +6,9%. Il Piano della Regione sulla internazionalizzazione ha funzionato

17.06.2014 Print

Nei primi tre mesi del 2014 il valore delle esportazioni piemontesi ha raggiunto i 10.512,9 milioni di euro registrando un aumento del 6,9% rispetto allo stesso periodo del 2013. La crescita è sensibilmente superiore rispetto a quella riscontrata a livello medio nazionale, pari al +1,5%. Mi pare che questo dato dimostri la bontà del nostro operato che si è fortemente preoccupato di investire sulla internazionalizzazione delle imprese.

Cioè è anche dimostrato dai dati a livello nazionale, le vendite all’estero registrano una diminuzione marcata per le regioni dell’Italia insulare (-16,5%) e meno intensa per quelle dell’Italia centrale (-0,9%). Le regioni dell’Italia meridionale rilevano una crescita del 5,6%, mentre le regioni dell’Italia nord-orientale e nord-occidentale registrano un incremento delle esportazioni pari, rispettivamente, a +4,5% e +1,7%.

Il Piemonte si conferma, anche nel periodo gennaio-marzo 2014, la quarta regione esportatrice, con una quota del 10,9% (incidenza superiore rispetto a quella rilevata nello stesso periodo del 2013, quando era pari al 10,4%) delle esportazioni complessive nazionali. Tra le principali regioni esportatrici il Piemonte ha registrato la performance migliore: la Lombardia si caratterizza per una situazione di sostanziale stazionarietà (+0,0%), mentre il Veneto e l’Emilia Romagna hanno registrato aumenti delle vendite all’estero rispettivamente pari a +2,7% e +5,9% .

Insomma abbiamo governanto e abbiamo governato bene. Certo i risultati non potevano arrivare immediatamente vista la pesante eredità della precedente Giunta Bresso.  Ahimè a causa del prematuro scioglimente del consiglio rischiano di beneficiare delle nostre politiche i membri del centrosinistra. Quindi stiamo all'occhio!

Claudia Porchietto