Claudia Porchietto

Porchietto-Vignale (FI): centrosinistra taglia la scuola in montagna. Azzerati i fondi per i servizi scolastici

22.01.2016 Print

“Il centro sinistra taglie la scuola alla montagna”, questo l’allarme lanciato dai consiglieri regionali di Forza Italia, Claudia Porchietto e Gian Luca Vignale. I due consiglieri fanno riferimento all’azzeramento nel Bilancio di previsione finanziario 2016-2018, oggi in discussione in Commissione consiliare, dei contributi per il mantenimento di servizi essenziali per la popolazione residente nei territori montani e rurali svantaggiati (L.R. 16/99 E L.R. 16/00).

“La scuola– proseguono –  rappresenta il cuore attorno al quale si costruisce l 'identità di una intera comunità. Senza scuola i comuni scompaiono. Azzerare questo capitolo significa lasciare sole decine di scuole che ogni anno garantiscono il diritto allo studio a centinaia di famiglie e bambini”.

“ Il centro destra al governo – proseguono – aveva portato questo capitolo a 900 mila euro. L’anno scorso il centro sinistra l’aveva già ridotto a 600 mila, e oggi lo vuole azzerare. Se è vero che in una difficile situazione economica regionale come quella attuale spetta alla politica scegliere i criteri di spesa, è evidente che oggi il centro sinistra voglia tagliare il legame con la montagna, bloccando un servizio essenziale come quello scolastico e mettendo in difficoltà centinaia di famiglie”.