Claudia Porchietto

Tav, Porchietto: situazione intollerabile per qualsiasi stato democratico, Si sta uccidendo la Val di Susa

22.07.2012 Print

“Ormai in Val di Susa si vive una situazione intollerabile per qualsiasi stato democratico. La protesta è accettabile solo laddove non sfocia in violenza gratuita. E il ferimento del capo della Digos, Giuseppe Petronzi e di altri agenti la scorsa notte dimostra che ormai abbia superato il limite del democraticamente accettabile”. Così l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Claudia Porchietto.

“Peraltro questa situazione di tensione, alimentata ad arte da professionisti della violenza e della guerriglia urbana, stanno creando danni irreparabili e incalcolabili al tessuto turistico e al sistema produttivo della zona. Quando immagini di violenza quali quelle di ieri sera fanno il giro del mondo, si deve essere mettere in conto che si condanna un’intera vallata all’isolamento internazionale con tutti gli effetti negativi che ciò produce in termini economici e lavorativi. Altro che salvare la Val di Susa, qui la si sta uccidendo”.