Claudia Porchietto

Crisi, Porchietto (FI): su Agrati mi sarei aspettata una attenzione diversa da parte della Giunta Chiamparino

06.02.2015 Print

“Non posso che aggregarmi alle perplessità del sindacato sull’attenzione prestata dalla Giunta Chiamparino sulla vicenda Agrati. Dopo una campagna elettorale aggressiva effettuata davanti ai cancelli dello stabilimento e dove furono mobilitati i big del partito e l’ex presidente della Regione Mercedes Bresso, ad oggi non perviene un impegno concreto da parte della maggioranza di centrosinistra ”. A dichiararlo l’assessore uscente al Lavoro della Regione Piemonte Claudia Porchietto.

L’esponente azzurra denuncia la debolezza dell’affermazione pronunciata dall’assessore Pentenero: “I lavoratori otterranno comunque l'Aspi e noi faremo il possibile per favorirne la ricollocazione”.

Conclude Porchietto: “Come assessore della Giunta Cota avevo ipotizzato un piano di ricollocazione che vedeva un importante investimento dell’Agrati quale dote per ogni singolo lavoratore. In quel momento il sindacato preferì percorrere un’altra strada. Oggi di fronte ai cambiamenti della normativa nazionale, ben conosciuti dalla Giunta Chiamparino, mi domando come mai l’assessore al Lavoro non abbia optato per riprenderlo in mano e riattualizzarlo cercando di venire incontro alle esigenze mutate dei lavoratori. Sicuramente l’attuale forza contrattuale delle Istituzioni è minore ma credo che possa costituire un buon punto di partenza visto la latitanza finora dimostrata da chi, archiviato il momento di confronto elettorale, pare essersi dimenticate le promesse fatte a decine di lavoratori”.