Claudia Porchietto

Tasse, Porchietto (fi): Imu sui terreni montani misura il livello di schizofrenia del governo in materia fiscale

26.01.2015 Print

“La vicenda dell’Imu sui terreni montani misura il livello di schizofrenia del Governo in materia fiscale. Il decreto lampo, approvato in Consiglio di Ministri, non risolve sicuramente la situazione che resta nebulosa anche a causa delle nuove modifiche alle disposizioni previste in origine. L’Anci e le Regioni devono intervenire a tutela dei contribuenti”. A sostenerlo il consigliere di Forza Italia, Claudia Porchietto, raccogliendo la denuncia dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

“Non è possibile – denuncia l’esponente azzurro – che a fronte di 60 giorni di black out del governo sul Decreto Semplificazioni e sulla questione della tassazione dei terreni montani, si scarichi a senso unico sui cittadini e sui loro consulenti l’onere di pagare le sanzioni. È necessario che parta dal territorio una azione bipartisan a tutela dei cittadini”.

Conclude Porchietto: “Con la legge di Stabilità vi è poi il problema dello Split Payment, meccanismo attraverso il quale gli enti pubblici non dovranno più pagare l’Iva ai fornitori, ma versarla direttamente all’Erario. Ad oggi manca il decreto attuativo con tutti i problemi che ne conseguono in termini di rimborsi e di pianificazione finanziaria e revisione dei sistemi aziendali. Presenterò una mozione per domandare un impegno del presidente Sergio Chiamparino a porre il problema nella prossima riunione della Conferenza Stato-Regioni per offrire maggiori garanzie ai cittadini e ai professionisti ai quali gli stessi si rivolgono”.