Claudia Porchietto

Piemonte primo per imprese selezionate nel programma nazionale "Botteghe di mestiere"

03.10.2012 Print

Italia Lavoro, Ente strumentale del ministero del Lavoro, ha reso pubblico l’elenco di botteghe che  beneficeranno, grazie ai fondi comunitari, di un sostegno economico per favorire l’inserimento di giovani nel mercato del lavoro. Per il Piemonte è record rispetto alle altre regioni: sono undici su 51 infatti  le imprese locali selezionate per questo programma che ha nella sua mission la promozione e valorizzazione del lavoro artigianale e dell’apprendistato.

“Questo successo dimostra come il Piemonte sia terra di eccellenze e grandi potenzialità – ha commentato l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Claudia Porchietto –. Un territorio centrale per il rilancio dell’industria manifatturiera italiana. Nell’attuale momento di crisi, iniziative come questa sono importanti perché è necessario rilanciare positivamente l’immagine della formazione tecnica specializzata, del lavoro manuale e del rafforzamento delle competenze all’interno dei luoghi di lavoro. Una scelta questa che il Piemonte ha già percorso con le varie forme di apprendistato che ha avviato in questi anni, e che hanno responsabilizzato sempre di più i datori di lavoro nella loro funzione anche di formatori”.

"Con questo programma - ha dichiarato il Presidente ed Amministratore Delegato di Italia Lavoro Paolo Reboani - si intende fare fronte da un lato al disallineamento educativo italiano, che ha determinato un crescente gap tra formazione dei giovani e competenze richieste dalle imprese. Dall'altro, contribuire al rilancio dei nostri distretti produttivi che necessitano, per sostenere la sfida competitiva globale, di un capitale umano più specializzato. I numeri della disoccupazione in Italia, ed in particolare quelli dei giovani, sono molto critici. Iniziative come queste possono contribuire al superamento di un momento difficile nel mercato del lavoro".

Il programma ha la finalità di individuare un vero e proprio modello di Bottega di Mestiere, rappresentato da un’impresa o da un aggregato di imprese, operante nei comparti produttivi propri della  tradizione italiana. Conseguentemente si pone l'obiettivo di sostenere la trasmissione di competenze specialistiche verso le nuove generazioni, rafforzare l’appeal dei mestieri tradizionali, favorire il ricambio generazionale, stimolare la nascita di nuova imprenditoria, di reti su base locale e attivare un virtuoso percorso di inserimento del mercato del lavoro mediante la combinazione di tirocinio e apprendistato. Le imprese riconosciute idonee beneficeranno di un contributo pari a 250 euro al mese