Claudia Porchietto

Macroregione del Nord, Porchietto: ha senso solo se si sfruttano le singole peculiarità

29.09.2012 Print

“Una macroregione del Nord ha senso e vita solo se si sfruttano le singole peculiarità dei territori e si fa gioco di squadra”. Claudia Porchietto, assessore al Lavoro della Regione Piemonte, ha lanciato questa riflessione in qualità di relatore agli "stati generali del Nord" lanciati a Milano dalla corrente del Pdl “Liberamente” fondata da Maria Stella Gelmini.

Porchietto ha aggiunto: “Il Nord deve mettere a fattor comune le proprie diversità, le proprie culture industriali, le proprie tradizioni se vuole rilanciare il Paese. Non esiste un singolo modello vincente, ma tanti modelli che possono e devono trovare una loro sintesi sempre però nel rispetto della storia di ogni singola regione. Questo è un passaggio fondamentale per non commettere gli stessi errori dell’Europa: dove gli egoismi di ogni singolo Stato ne stanno minando l’Unità e la forza intrinseca”.

“Il Nord deve combattere insieme una grande battaglia – ha concluso Porchietto – quella di chiedere al Governo nazionale di superare l’odioso problema degli aiuti di stato per le medie imprese, cioè quelle aziende di 250/500 dipendenti che costituiscono l’ossatura del nostro sistema produttivo e che oggi la politica è nell’impossibilità di soccorrere senza essere punita a livello comunitario. Se l’Europa vuole perseguire l’Unità degli Stati che la compongono non può permettersi di lasciare qualcuno indietro; ma soprattutto non può essere ostaggio di principi sanzionatori utili solo in tempo di crescita e che possono essere derogati solo da nazioni forti economicamente. Una situazione quella della deroga che negli ultimi anni è infatti diventata una prassi per la Germania”.