Claudia Porchietto

Porchietto: un tavolo per il futuro della telecomunicazioni

17.09.2012 Print

E’ partito da qualche decina di minuti dalla sede dell’assessorato regionale al Lavoro il corteo di lavoratori delle telecomunicazioni che hanno aderito allo sciopero nazionale del comparto, Claudia Porchietto commenta “Gli Uffici dell’assessorato hanno incontrato i segretari regionali e provinciali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uil telecomunicazioni. È stato un incontro molto cordiale nel quale il sindacato ci ha chiesto di supportare un settore che solo in Piemonte conta 8mila addetti. Le richieste legate al rinnovo del contratto nazionale mi sono sembrate condivisibili visto che, in modo responsabile, non prevedono aumenti salariali ma solo l’inserimento di clausole sociali a tutela dei livelli occupazionali”.

“Coinvolgerò il mio collega delle Attività Produttive Massimo Giordano per convocare un tavolo regionale – spiega l’esponente della Giunta Cota – al fine di discutere il futuro dell’Ict e dell’It. Considero entrambi i settori strategici per il futuro di Torino e del Piemonte in particolare rilevando come i tempi siano cambiati. È necessario rivedere un sistema produttivo locale che si è legato per troppo tempo a poche grandi aziende, puntando spesso esclusivamente sulla monocomittenza, e che oggi a causa del costo del lavoro deve riconvertirsi scommettendo su segmenti di produzione più remunerativi abbondando quella vocazione di trasformazione che contribuì al successo degli anni ’80-90 e portò al miracolo italiano”.