ClaudiaPorchietto.it Edicola

Il boom che Berlino non vuole

31.07.2012
Corriere della Sera. Scritto da Federico Fubini 

Adesso tocca alla Germania spiegare al mondo che "questa volta è diverso". Sono quattro parole, queste ultime, capaci di distruggere tanta ricchezza quanta ne hanno distrutta altrettante guerre. Carmen Reinhart e Ken Rogoff lo raccontano nel loro celebre libro che con questo titolo racconta secoli di crisi finanziarie. Prima degli inevitabili crash, le fasi di boom sono sempre costellate di intelligenti spiegazioni volte a dimostrare che gli squilibri non porteranno alla rottura perché, appunto, questa volta è diverso. Lo sostenevano in molti in Asia prima della tempesta del '97, lo ripetevano gli analisti americani secondo i quali l'innovazione finanziaria avrebbe messo gli Stati Uniti al riparo da una crisi bancaria. Seguì Lehman Brothers, e stavolta appunto tocca alla Germania.

Non che le sue banche rischino una crisi sistemica o che l'economia sia in una febbre speculativa. Per fortuna della Germania e dell'Europa non è così. Ma le quotazioni immobiliari di Berlino, a Francoforte o ad Amburgo hanno iniziato a salire rapidamente, mentre quasi ovunque nel resto d'Europa ristagnano o cadono. In sé non è un male. Per oltre un decennio una grande capitale come Berlino ha avuto un mercato immobiliare letargico e non poteva durare così. C'è però un aspetto di questo boom in controtendenza che si spiega solo con la crisi dell'euro, e suggerisce che alla Germania un intervento stabilizzatore della Banca centrale europea serve quasi quanto alla Spagna.

La fuga di capitali dal Sud Europa verso i titoli (e le banche) della Repubblica federale ha plasmato in maniera innaturale l'intera curva dei tassi tedeschi. Il drenaggio di liquidità da Sud crea un eccesso di massa monetaria a Nord. Quando per troppo tempo ci si può finanziare a poco più dello zero per cento sui cinque anni, il credito facile diffonde gradualmente le sue distorsioni in tutta l'economia. Siamo ancora lontani da una bolla, le spie sono quasi tutte spente meno una: molti commentatori tedeschi spiegano già che questa volta in Germania è diverso e il Paese di merita tutti i suoi tassi zero perchè è forte, sano, competitivo. In parte lo è. Ma se la Bce non interverrà per riequilibrare verso Sud la liquidità dell'area euro, alla lunga anche la Germania può finire nella prossima edizione di "Questa volta è diverso".

Scarica il PDF

news

martedì 17 ottobre 2017
Start

video

Intervento Claudia Porchietto sull'emergenza profughi

Una frase del mio intervento: "I pochi esempi che portano i media sui profughi sono quelli brillanti che però coinvolgono solo piccole

newsletter

Inserisci la tua mail per ricevere i comunicati ed essere aggiornato sulla mia attività politica

dai comuni

Tutte le novità, notizie e riflessioni riguardanti il tuo Comune di residenza segnalate dagli amici amministratori locali e dagli elettori. Uno spazio libero per il dibattito.

Piemonte