ClaudiaPorchietto.it Edicola

In aumento motori e aggregatori per la ricerca di opportunità professionali on line

16.07.2012
La Stampa. Scritto da W. P. 

Una bacheca per la diffusione degli annunci di lavoro, sul modello di LinkedIn. È l'iniziativa messa in cantiere da Facebook, rivelata dal Wall Street Journal, secondo il quale mancherebbero poche settimane alla sua operatività. Con la creazione di questa nuova bacheca dedicata, gli utenti potranno scambiarsi curriculum, informazioni e proposte di lavoro. Il social network più consultato del mondo (901 milioni di utenti attivi mensilmente di cui 500 milioni da dispositivo mobile) in questa sua sfida competitiva sarebbe facilitato dalle applicazioni già inglobate, come per esempio BranchOut, che collegano nella piattaforma le persone interessate a condividere i loro curriculum e a costruire contatti.

LinkedIn, dall'alto dei suoi 161 milioni di membri in oltre 200 paesi, per ora non commenta, ma qualche preoccupazione serpeggia nel suo quartier generale di Mountain View in California. Anche perché lo stesso obiettivo è nei pensieri e nei desideri di molti. Tra di loro, per esempio, realtà come Google+, il social del grande motore di ricerca, che in un anno ha superato Twitter (150 milioni di utenti attivi al mese, contro i 140 milioni dei tweet). Oppure, perché no, come il meno conosciuto Badoo, con i suoi 120 milioni di utenti che cercano compagnia, ma

che un giorno potrebbero essere aiutati a cercare lavoro. Non sappiamo come andrà a finire la sfida tra Mark Zuckerberg e Reid Hoffman, i fondatori dei due giganti nati con obiettivi diversi, certo è che chi oggi detiene reti e contatti può usarli anche per la ricerca del lavoro, che resta al vertice delle preoccupazioni delle persone in tutto il mondo. Anche l'Italia con la guerra dei titani americani potrebbe diventare un campo di battaglia incandescente.

Facebook nel nostro paese ha 21 milioni di iscritti, 13 milioni vi accedono ogni giorno e 7,5 milioni lo fanno dal cellulare. LinkedIn dichiara 34 milioni di utenti in Europa, ha la sua forza non tanto nelle relazioni amicali, ma nelle relazioni professionali. In Italia dichiara 2 milioni di utenti. Ha il vantaggio competitivo del primo entrato nel mercato del lavoro e delle professioni, primato che vuole conservare con tutte le sue forze. Del resto ha al suo interno i dirigenti di tutte le aziende di Fortune 500 del 2011; 82 aziende di Fortune 100 utilizzano le sue soluzioni per le assunzioni. Gli studenti e i neolaureati si iscrivono automaticamente e sono i membri con la percentuale di crescita più rapida. I membri di LinkedIn hanno effettuato circa 4,2 miliardi di ricerche di tipo professionale sulla piattaforma nel 2011 e si stimano 5,3 miliardi nel 2012.

In Europa e in Italia il secondo social network più usato per il lavoro è Viadeo, di matrice francese. Presente con uffici in una decina di paesi oltre a Parigi, registra oltre 3 milioni di profili consultati al giorno e si sta rifacendo il look e una nuova veste grafica per i profili, per facilitare la lettura veloce e accattivante. Mentre LinkedIn oltre che proporre contatti professionali ha creato 2.100 posti di lavoro per la propria struttura, Viadeo ne ha creati 400, dall'Europa alla Cina, dagli Stati Uniti all'India.

Tra i motori di ricerca dedicati al lavoro, anche per la sua storia imprenditoriale oltre che per la sua efficacia, va ricordata l'esperienza di Jobrapido. A inventarlo è un italiano, Vito Lomele. Nel 2009 conquista la palma di primo sito italiano dedicato al lavoro. Gli affari e lo sviluppo, insieme ai contatti e agli utenti, vanno così bene da stuzzicare gli appetiti di colossi dell'informazione. Tanto che quest'anno la società Evenbase del gruppo editoriale inglese Daily Mail rileva per 30 milioni di euro le quote dei soci di minoranza. Lomele si è tenuto stretto il suo 51% e resterà in azienda sino al 2015. Dopo si vedrà.

Scarica il PDF

news

martedì 17 ottobre 2017
Start

video

Intervento Claudia Porchietto sull'emergenza profughi

Una frase del mio intervento: "I pochi esempi che portano i media sui profughi sono quelli brillanti che però coinvolgono solo piccole

newsletter

Inserisci la tua mail per ricevere i comunicati ed essere aggiornato sulla mia attività politica

dai comuni

Tutte le novità, notizie e riflessioni riguardanti il tuo Comune di residenza segnalate dagli amici amministratori locali e dagli elettori. Uno spazio libero per il dibattito.

Piemonte