ClaudiaPorchietto.itAttività e iniziative

Porchietto e Vignale (FI): su Lanzo vogliamo la verità. Saitta firmi gli atti, basta promesse

11.02.2015

Oggi di nuovo l’assessore Saitta scrive su Facebook: “La decisione di non mantenere la struttura di Lanzo all’interno della rete ospedaliera di emergenza/urgenza non appartiene a questa amministrazione, ma alla Giunta Cota”.

È falso! E siamo francamente stanchi di questo scarica barile, inutile e strumentale. Se infatti è vero in un primo momento, la Giunta di centro destra ha previsto Lanzo come ospedale da riconvertire, successivamente, anche grazie all’intervento di Vignale e Porchietto, nel marzo 2013con la Deliberazione di Giunta Regionale 6-5519, ha ridefinito l’Ospedale di Lanzo come presidio di territorio e non più da riconvertire.

D’altronde se così non fosse avvenuto, l’assessore Saitta dovrebbe spiegare per quale motivo il presidio oggi è aperto e  operante. Al di là delle parole, sono i fatti (ovvero gli atti amministrativi) a chiarire la verità: a Novembre la giunta Chiamparino ha votato una delibera direvisione della rete ospedaliera che non prevede Lanzo come presidio ospedaliero.

Più volte interrogato l’assessore Saitta ha promesso che il presidio di Lanzo verrà mantenuto. Non chiediamo altro. Poiché nella pubblica amministrazione gli unici atti che contano solo quelli amministrativi o normativi, perché ciò avvenga l’assessore Saitta e il  centro sinistra devono modificare la revisione della rete ospedaliera, inserendo il presidio unico Lanzo-Ciriè, come da tempo chiediamo.

Scarica il PDF

news

martedì 17 ottobre 2017
Start

video

Intervento Claudia Porchietto sull'emergenza profughi

Una frase del mio intervento: "I pochi esempi che portano i media sui profughi sono quelli brillanti che però coinvolgono solo piccole

newsletter

Inserisci la tua mail per ricevere i comunicati ed essere aggiornato sulla mia attività politica

dai comuni

Tutte le novità, notizie e riflessioni riguardanti il tuo Comune di residenza segnalate dagli amici amministratori locali e dagli elettori. Uno spazio libero per il dibattito.

Piemonte